sabato 12 maggio 2018

TARROS, ORA SONO TUTTE FINALI

Primo match della serie della finale playoff al PalaSprint. Si scende sul parquet domenica 13 maggio alle 18.00. Ora i bianconeri non possono più sbagliare: una sconfitta, infatti, significherebbe vittoria di tutta la serie per il CUS, visto che i genovesi si sono già aggiudicati le prime due partite, giocate al PalaCus. “Non abbiamo più nulla da perdere – afferma il coach bianconero Andrea Padovan – e certo non vogliamo perdere la faccia. Scendiamo sul parquet determinati a vincere, sfruttare il fattore campo e riportare la serie in parità. Certo, sarà il parquet a dire come andrà, ma noi dobbiamo metterci tutta la grinta che abbiamo, e qualcosa in più”. Palla a due al PalaSprint domenica 13 maggio alle ore 18.00. Arbitrano Stefano Oro e Davide De Angeli di Genova. L'appello ai tifosi è quello di stare a fianco alla squadra, di tingere il PalaSprint di bianconero e fare sentire il proprio calore ai ragazzi.

mercoledì 9 maggio 2018

TARROS, CHE PECCATO!

Bianconeri sconfitti sulla sirena. Partita diversa da quella di domenica, ma è mancato ancora qualcosa. Ora non si può più sbagiiare. Tarros sconfitta anche in gara 2 ma, a differenza di domenica scorsa, esce dal PalaCus a testa alta dopo essersi battuta sino alla sirena finale, anche se sarebbe servito ancora qualcosa in più, che è mancato. Anche in questo caso è il secondo quarto la bestia nera degli spezzini che, dopo una prima frazione chiusa n vantaggio, sbagliano troppo e segnano pochissimo, solo 5 punti. Nonostante questo, e contrariamente a gara 1, i bianconeri, però, non si danno per vinti e riescono più volte a recuperare uno svantaggio in doppia cifra. Stavolta la Tarros non si arrende mai, sino al tempino finale, combattutissimo. Partita mai chiusa, insomma. Gli spezzini la tengono aperta sino davvero all'ultimo, tanto da portarsi avanti a 13 secondi dalla fine, grazie ad una bomba di Peychinov. A 1 secondo dalla sirena, però, arriva il canestro che significa vittoria del Cus. I genovesi si portano così in doppio vantaggio nella serie, ma la Tarros riacquista consapevolezza di sé, anche se a questo si affianca il sapere che serve di più, che anche stavolta sono stati fatti errori che non ci si può permettere e che anche dal punto di vista psicologico manca ancora qualcosa. “Stasera abbiamo dimostrato sicuramente più grinta di domenica – afferma il Presidente della Tarros Danilo Caluri - abbiamo ripreso in mano una partita che, dopo il secondo quarto, e guardando anche a gara 1, avrebbe potuto “tagliarci le gambe”. Questa partita deve darci consapevolezza e forza, Ora abbiamo due gare in casa, sappiamo di non poterle sbagliare”. Guardano invece soprattutto a quel qualcosa che ancora è mancato coach Andrea Padovan e il secondo Jacopo Lanza: “Loro avevano comunque qualcosa in più, noi dobbiamo essere più determinati. Dovevamo scendere sul parquet con ancora maggiore grinta, invece in certi frangenti ci siamo lasciati andare. Peccato, perchè vincere questo secondo confronto sarebbe stato molto importante”. Appuntamento al PalaSprint per gara 3 domenica 13 maggio alle ore 18.00. Cus Genova - Spezia Basket Club Tarros: 72-70 (17-23; 36-28; 51-46) Cus Genova: Bianco 0, Dufour 16, Vallefuoco N. 6, Cassanello 3, Mangione 4, Ferraro 5, Vallefuoco S. 8, Bedini 19, Zavaglio 11, Pampuro 0, Franconi 0. Cach: Pansolin-Taverna Spezia Basket Club Tarros: Bracci 10, Petani 0, Coari 0, Dalpadulo 0, Garibotto 13, Peychinov 16, Pipolo 6, Steffanini 16, Canti 0, Visigalli 9. Coach: Padovan

domenica 6 maggio 2018

TARROS, LA FINALE PLAY – OFF INIZIA IN SALITA

Brutta sconfitta dei bianconeri in gara 1 contro il Cus. Avvilito e deluso: così si definisce il Presidente dello Spezia Basket Club Tarros Danilo Caluri al termine di gara 1 della finale play-off contro il CUS Genova. Non tanto per la sconfitta, pur “pesante” vista la posta in palio, quanto per il modo in cui è arrivata. “Abbiamo dimostrato mancanza di maturità – afferma il patron bianconero – non mi aspettavo una partita del genere. Dopo quello che abbiamo fatto vedere nelle semifinali e dopo quanto abbiamo fatto durante la stagione, nel corso della quale abbiamo perso solo due partite, non mi aspettavo questa prestazione, o meglio questa non-prestazione. E il risultato ritengo sia nei numeri fin troppo “buono”, per quello che si è visto sul parquet, il Cus avrebbe meritato un gap maggiore””. La Tarros oltretutto aveva iniziato bene, chiudendo la prima frazione in vantaggio e segnando ben 22 punti. Tanti in sé, tantissimi pensando che, invece, nel secondo tempino ne ha messi a segno solo 3, frutto di un unico canestro. Un vero e proprio crollo che inevitabilmente si ripercuote sul resto del match. I bianconeri tentano un minimo di reazione e riducono lo svantaggio nel terzo tempino, ma è poi di nuovo il Cus a prendere il largo. E' stata una Tarros priva di mordente, ben diversa da quelle delle ultime gare. “Abbiamo sbagliato atteggiamento, oltre a sbagliare tanto sul parquet – conferma coach Andrea Padovan – Non abbiamo fatto nulla né di quello che abbiamo mostrato nelle ultime partite né di quello che abbiamo preparato in settimana”. Ora non c'è tempo per rimuginare sula sconfitta, non c'è tempo però neppure per resettare tutto. Va fatto subito, nell'immediato, perchè mercoledì si torna nuovamente a Genova per gara 2. E servirà tutta un'altra Tarros. Cus Genova - Spezia Basket Club Tarros: 64-53 (18-22; 36-25; 52-39) Cus Genova: Bianco 0, Dufour 21, Vallefuoco N. 0, Cassanello 0, Mangione 11, Ferraro 0, Vallefuoco S. 8, Bedini 10, Zavaglio 14, Pampuro 0, Franconi 0. Cach: Pansolin-Taverna Spezia Basket Club Tarros: Bracci 8, Petani 0, Coari 0, Dalpadulo 2, Garibotto 2, Peychinov 14, Pipolo 4, Steffanini 20, Canti 3, Visigalli 0. Coach: Padovan